Continua la collaborazione della “Spira” con il territorio

dal comunicato stampa del Comune di Formigine

Spira mirabilis nella Sesta di Beethoven “Pastorale”

Spira e l'Aceto balsamico di Acetaia Valeri a Formigine  

Lunedì 21 maggio alle 21, nel luogo che ormai i musicisti della Spira mirabilis considerano una seconda casa, la Polisportiva formiginese (viale dello Sport), si terrà il concerto “Sinfonia n.6 di Beethoven”, un brano davvero unico nella produzione del grande compositore tedesco. La sesta sinfonia ha il titolo di “Pastorale” e rappresenta l’evocazione di diversi sentimenti suscitati dal contatto con la natura.
“In questi anni le sinfonie di Beethoven ci hanno sempre accompagnato, continuando ad insegnare ed ispirarci – spiegano i musicisti – Approdiamo ora alla Sesta con un po’ di emozione: fatta eccezione per la monumentale Nona, la Pastorale è l’unica sinfonia che ancora non abbiamo affrontato. Completare un ciclo beethoveniano non è mai stato tra i nostri obiettivi, ma ora che, semplicemente seguendo il nostro percorso, siamo in prossimità di un piccolo traguardo, non riusciamo a nascondere un sorriso”.
I musicisti della Spira mirabilis hanno iniziato a studiare la “Pastorale” in montagna, in Svizzera, poi la porteranno a Londra, assieme alla Quinta (composta tra l’altro contemporaneamente alla Sesta). E proprio dalla capitale inglese, arriva un ennesimo riconoscimento per l’orchestra che ha trovato casa a Formigine: l’inserto culturale del prestigioso “The Times” ha recentemente dedicato loro una copertina. Nell’articolo si legge, dalle parole del primo violino Lorenza Borrani: “All’inizio ci incontravamo solo per provare. Ma, come quando fai una torta meravigliosa, vuoi che gli altri l’assaggino! Così, abbiamo iniziato a suonare nella piazza di Formigine, per portare le persone nel posto dove suonavamo”. “Ora i formiginesi amano a tal punto la Spira che l’amministrazione comunale sta costruendo una vera e propria sala da concerto”, continua l’articolo a firma di Neil Fisher. “E questo è tra i migliori risultati che si possano desiderare in Italia” continua la Borrani. “Dappertutto stanno chiudendo teatri. Qui se ne sta costruendo uno. Sembra un sogno”.
Il rapporto della Spira mirabilis con il territorio è davvero molto stretto e ricco di proposte. Venerdì assisteranno alle prove tredici tra giovani musicisti e docenti della INSO Iraqi National Symphony Orchestra; il progetto è ideato e diretto da CUBEC Accademia di Belcanto Mirella Freni, con il supporto del Ministero degli Affari Esteri. Saranno presenti anche studenti dell’Istituto Carlo Sigonio di Modena e delle scuole medie di Formigine. Alla prova generale di lunedì mattina, invece, potranno partecipare i bambini della scuola materna aziendale della Banca Popolare dell’Emilia-Romagna.
Il progetto è promosso dal Comune di Formigine e finanziato dalla Commissione Europea e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, con il sostegno della Banca Popolare dell’Emilia-Romagna. Il concerto è a ingresso libero e gratuito.

 Acetaia Valeri ha collaborato da subito per la riuscita dell’evento.