E’ nato il distretto dell’aceto balsamico di Modena Igp

E’ il quinto prodotto italiano agroalimentare Dop Igp

Il nuovo Distretto del cibo dell’Aceto Balsamico di Modena Igp dedicato alla promozione, allo sviluppo e alla tutela del prodotto e alla valorizzazione della filiera e della cultura e tradizione dei territori di Modena e Reggio Emilia è nato col recente inserimento nell’Elenco nazionale dei distretti del cibo.

Il Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena Igp, ne da notizia alla luce della pubblicazione ufficiale del riconoscimento nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Mariangela Grosoli, presidente del Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena Igp afferma che si tratta di “una splendida notizia, un risultato di grande importanza per il nostro comparto, che rappresenta un meritato riconoscimento del valore economico, culturale e tradizionale del nostro prodotto e del suo ruolo all’interno del panorama agroalimentare nazionale”.

L’Aceto Balsamico di Modena Igp – quinto prodotto italiano agroalimentare Dop Igp – contribuisce al paniere Made in Italy con 100 milioni litri di produzione certificata capaci di generare 400 milioni di valore alla produzione, tradotti in un miliardo di valore al consumo, grazie anche al valore generato dal prodotto destinato all’export che tocca quota 92% del totale.

Related posts

Consorteria Aceto Balsamico, Spilamberto Modena

L’Aceto Balsamico Tradizionale diventi patrimonio Unesco

L’annuale pranzo della Consorteria dell’Aceto Balsamico di Spilamberto è stato un’importante occasione per ribadire il progetto più ambizioso: “Vorremmo vedere il Balsamico diventare patrimonio Unesco ed essere riconosciuto come bene culturale immateriale dell’umanità. La candidatura è stata presentata, ora è fondamentale la collaborazione delle istituzioni” ha sottolineato  il Gran Maestro Maurizio...

Continua