L’Aceto Balsamico Tradizionale diventi patrimonio Unesco

Consorteria Aceto Balsamico, Spilamberto Modena

L’annuale pranzo della Consorteria dell’Aceto Balsamico di Spilamberto è stato un’importante occasione per ribadire il progetto più ambizioso: “Vorremmo vedere il Balsamico diventare patrimonio Unesco ed essere riconosciuto come bene culturale immateriale dell’umanità. La candidatura è stata presentata, ora è fondamentale la collaborazione delle istituzioni” ha sottolineato  il Gran Maestro Maurizio Fini.

La risposta è stata immediata, con l’appoggio incondizionato del sindaco di Modena Muzzarelli e quello del governatore Stefano Bonaccini, che hanno partecipato al pranzo: “Il Balsamico Tradizionale è un prodotto secolare e straordinario, che impreziosisce il paniere di ben 44 prodotti igp e dop che collocano la nostra regione al primo posto in Europa per numero di prodotti di qualità straordinaria e certificata. Modena peraltro, dopo quella di Parma, è la secondo provincia italiana per volume economico di igp e dop. Confermo il sostegno pieno della Regione Emilia-Romagna alla candidatura Unesco del Balsamico quale bene immateriale – assicura Bonaccini – Proprio giovedì scorso ho fatto presente all’Ambasciatore italiano presso l’Unione Europea Benassi e ai Commisari europei Schmit e Gentiloni la necessità che le istituzioni europee tutelino l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena e Reggio Emilia dop e l’Aceto Balsamico di Modena igp, minacciato da una legge della Slovenia che sdoganerebbe falsi balsamici”.

Acetaia Valeri fa parte della Consorteria dell’Aceto Balsamico di Spilamberto

Chiedi informazioni per una visita gratuita in Acetaia

Assapora i nostri Aceti Balsamici DOP e IGP ordina direttamente dal nostro shop online

Related posts

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.